Obiettivi & azioni

PREMESSA ( obiettivi )

Legacoop con il Progetto Salute è impegnata ad implementare una politica associativa nel campo della salute, partendo dall’azione già svolta dalle associate che operano nel settore (cooperazione sociale, mutue, coop di medici).
L’obiettivo che ci si propone è quello di valorizzare il ruolo sussidiario della cooperazione in rapporto al SSN nel quadro della riforma del welfare, resa necessaria dalle trasformazioni intervenute, dagli accresciuti bisogni del cittadino e dai vincoli imposti alla finanza pubblica. Con il progetto cooperativo intersettoriale sulla salute, Legacoop vuole:
partecipare all’elaborazione di proposte da posizionare nel confronto in atto sul riassetto del sistema sociale, sanitario, assistenziale, cercando di dare un contributo peculiare allo sviluppo di un welfare territoriale;
trasmettere un’immagine complessiva degli strumenti che essa è capace di offrire;
cogliere con maggiore compiutezza le opportunità di ciascun comparto cooperativo nel settore anche mediante collaborazioni e sinergie per generare un’offerta di sistema che qualifichi ed estenda l’offerta cooperativa.

Accanto alla presenze storiche della cooperazione sociale e della mutualità, il fenomeno della cooperazione medica e tra operatori sanitari sta assumendo connotati e ruoli importanti, anche grazie all’azione del sindacato dei medici, alle cooperative ed al ruolo finora espresso soprattutto dalle cooperative di MMG.
Particolarmente significativa è l’esperienza della cooperazione tra Medici di Medicina Generale che rappresenta un ulteriore importante punto di riferimento in tale processo di evoluzione e riorganizzazione dell'offerta di servizi sanitari e socio-sanitari sul territorio.
La normativa che disciplina l'attuazione del Servizio Sanitario Nazionale per le attività territoriali si basa sulla convenzione con i Medici di Medicina Generale. Il rapporto di fiducia che i MMG costituiscono con gli assistiti e la diffusione del loro presidio territoriale in modo capillare su tutto il territorio nazionale costituiscono elementi fondamentali per qualsiasi progetto di evoluzione e riorganizzazione dell'offerta di servizi sanitari e socio-sanitari sul territorio. Sono quindi un elemento strutturale di apporto anche al progetto che intende sviluppare la Federazione tra cooperative di medici e di operatori sanitari associando le forme cooperative delle varie professionalità operanti in campo sanitario e socio-sanitario.
Le iniziative, le sperimentazioni attuate dalle cooperative mediche sono portatrici di idee e modalità di gestione che rispondono ai principi di attuazione dei processi di riorganizzazione dei servizi con la partecipazione diretta degli operatori.
Nelle esperienze realizzate si sono attuati importanti modelli di coordinamento ed integrazione con gli altri operatori socio sanitari del territorio e delle cure primarie.
Le iniziative, le sperimentazioni attuate dalle cooperative che operano sul territorio nazionale sono portatrici di idee e modalità di gestione che rispondono ai principi di attuazione dei processi di riorganizzazione dei servizi con la partecipazione diretta degli operatori. In questo quadro occorre trovare forme di rappresentanza e di partecipazione della cooperazione medica che la valorizzino nel confronto esterno sui diversi tavoli istituzionali ed in quelli interni alla cooperazione.
Per queste ragioni si avanza la proposta di una Federazione delle cooperative tra medici ed operatori della sanità che sappia essere referente specialistico nel settore, con compiti di tutela, rappresentanza e promozione.
Quindi, costituire un soggetto associativo che aderisce a Legacoop, partendo dall’adesione dei soggetti ad essa iscritti ma prevedendo l’adesione di altri soggetti cooperativi del settore sanitario purchè ne rispettino i principi generali.
Qui di seguito di delineano proposte che riguardano la missione, la visione e le azioni che tale federazione potrebbe svolgere.

AZIONI

a. Rappresentare, assistere,tutelare e coordinare le cooperative associate, per favorirne la promozione e lo sviluppo. A tale scopo agisce in piena autonomia per il potenziamento della cooperazione fra medici ed operatori della sanità a carattere di mutualità e senza fini di lucro, fondata sui principi della partecipazione.
b. Valorizzare l’esperienza delle cooperative di servizio nell’area sanitaria delle cure primarie anche attraverso l’elaborazione di linee di politica sanitaria, economica e sociale per favorire lo sviluppo delle cooperative associate ;
c. Sviluppare e promuovere analisi, ricerche relativi ai temi che direttamente o indirettamente presentano interesse comune per la generalità delle cooperative associate;
d. Fornire alle cooperative associate ampia e qualificata assistenza sui temi specifici della cooperazione di servizio alle professioni sanitarie e di lavoro per gli operatori del settore;
e. Promuovere di intesa con i sindacati medici per ottenere i provvedimenti legislativi e amministrativi necessari e comunque idonei per soddisfare le esigenze di promozione e sviluppo del movimento cooperativo operante nel settore della sanità e delle cure primarie;
f. Assumere tutte le iniziative e svolgere tutte le attività utili al fine di contribuire allo sviluppo del movimento cooperativo in campo sanitario e socio sanitario.
g. Elaborare indirizzi atti a garantire la qualità sociale delle cooperative associate;
h. Dotarsi degli strumenti necessari per informare adeguatamente le cooperative e gli amministratori delle stesse attraverso gli strumenti cartacei e telematici più idonei;
i. Rappresentare le cooperative associate nei confronti delle istituzioni, nazionali, regionali e locali, delle organizzazioni economiche, politiche, sindacali,scientifiche e sociali nazionali, europee e internazionali;
j. Organizzare e promuovere ricerche e studi, dibattiti e convegni su temi sanitari, economici e sociali di generale interesse delle cooperative anche partecipando ad enti e società che svolgono attività strumentali allo scopo.
 

Documenti allegati